martedì 7 febbraio 2012

Uomini VS Adele

Mi sono imbattuta in questa notizia, pubblicata su yahoo.it sulla cantante Adele

"
LOS ANGELES - Non c'è pace per Adele. La cantante britannica, infatti, dopo aver affrontato un difficile intervento chirurgico alla gola fortunatamente andato a meraviglia, si è dovuta subito destreggiare tra dichiarazioni di critica e disprezzo.


Prima ci si è messo Noel Gallagher, che dall'alto della sua esperienza musicale, si è permesso di esprimere pubblicamente un giudizio sul futuro della cantante. In un'intervista pochi giorni fa infatti aveva detto: "Mi spiace per le donne della musica. Hanno vita davvero breve  in questo settore. Per esempio: Duffy chi? Andata. Eppure era super... ma non ho dubbi sul fatto che la stessa cosa capiterà anche ad Adele".


In poco tempo, un'altra personalità, questa volta della moda, ha detto la sua sulla cantante: Karl Lagerfield ha infatti messo il coltello in un'altra piaga, quella della forma fisica: "La donna del momento è Adele - ha detto lo stilista precisando che la preferisce alla cantante Florence Welch dei Florence and the Machine - è un tantino cicciottella, ma ha un bellissimo viso e una voce divina".
"

Premetto che per quanto apprezzi e reputi Adele un'artista vera, non sono una fan, quindi penso che il mio punto di vista sia abbastanza neutrale.
Per quanto io consideri Noel Gallagher un buon musicita e per quanto io consideri i brani degli Oasis un pezzo di storia della musica degli anni 90, penso pure che il signor Gallagher perdi sempre un occasione per stare zitto. Al di là del fatto che, come sempre, solo il tempo ci saprà dire se Adele rimarrà nell'olimpo delle cantanti che faranno la storia della musica ma, a proposito di vita breve, il nome Madonna gli dice qualcosa?
Ormai da 30 anni sulla cresta dell'onda? Oppure Janet Jackson? Per non parlare di Cher che l'anno scorso ha persino recitato in Burlesque mostrando le sue doti canori e recitative ancora a buoni livelli? O vogliamo parlare della più "recente" Jennifer Lopez (che con l'ultimo album sta sbancando ed è ormai una cantante a tutti gli effetti da circa il 1999 , ben 13 anni fa?). Insomma, è pur vero che noi donne abbiamo vita difficile rispetto agli uomini, ma da qui a dire che per una donna la vita è breve nella musica, beh, ce ne passa!

Per quanto riguarda Karl Lagerfield, per carità, è l'uomo Chanel, Chanel non si discute e via dicendo ma, in un mondo in cui la moda è quasi un predominio della taglia 40 (e mi sono tenuta larga), aggiungere un "tantino cicciottella" nel commento su una donna bellissima ed elegante anche con i kg di troppo, era davvero necessario?

3 commenti:

  1. Hai presente come va in giro Lagerfeld? Un parere da parte sua è inutile. Se poi vogliono che le donne siano tutte come Angelina Jolie ora (l'hai vista? fa senso, è sempre stata bellissima ma ora che pesa, quanto, 50 chili?, è tutt'altro che bella), vanno ancor meno ascoltati.

    Noel...eh, Noel ha sempre parlato a vanvera, ma va detto che la sua è una riflessione sicuramente non simpatica, sicuramente cinica, ma abbastanza veritiera. E' verissimo che dall'UK negli ultimi 15 anni sono uscite delle gran belle voci, ma che queste hanno avuto vita breve. Prendi la Duffy da lui citata, che era pure stata prodotta dal tipo dei Suede se non ricordo male, prendi, come si chiama, quella che aveva vinto l'X-Factor inglese... e tutte le varie buone girlband (le All Saints avevano delle belle voci: sparite!; le Sugababes non erano male: sparite anche loro!). E non vado più indietro perché di esempi ce ne sono.
    Purtroppo Noel Gallagher ha ragione: le donne nella musica pop in UK hanno vita difficile e spesso breve. Tu hai citato tutti esempi USA, lì la storia è molto diversa perché il sistema delle etichette discografiche e della produzione è più agguerrito e massiccio, c'è tutto un altro tipo di marketing e soprattutto quel che viene prodotto in USA spesso viene esportato, mentre dall'Europa e in molti casi dai singoli paesi è più difficile che avvenga lo stesso.
    L'unica che probabilmente non avrebbe rischiato l'oblio era Amy Winehouse, ma s'è "autoeliminata" da sola...

    (scusa il commento lungo, ma da seria appassionata di musica mi sentivo in dovere di provare a contestualizzare la cosa. io peraltro non sono nemmeno una fan degli Oasis, nella famosa diatriba Gallaghers-Albarn ho sempre preferito quest'ultimo e i Blur!)

    RispondiElimina
  2. Sono anche io appassionata di musica;)
    Le All Saints...chi mi hai tirato fuori, mi piacevano un sacco;)
    Beh si, se dobbiamo contestualizzare a livello inglese (purtroppo) Noel ha ragione, a parte forse l'unica eccezione britannica: Annie Lennox. Per il resto son quasi tutte scomparse, chi più chi meno.
    Dall'articolo letto non so se Gallagher si riferiva al solo panorama britannico o in generale, nel secondo caso ha toppato. Nel primo caso, purtroppo, non ha tutti i torti;)
    Ciao e grazie per il commento e per lo spunto (insomma..apriamo il dibattito!;))

    RispondiElimina
  3. Nemmeno io saprei dire se Adele avrà vita breve nel campo della musica o meno, io le augurò di no, perchè lei almeno, a differenza di tante il talento ce l'ha! E poi mi da l'impressione di essere una donna tosta, io tifo per lei :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...